• Focolai

Caratteristiche delle schede di segnalazione focolai

Scheda SSR1 (focolaio territoriale)

  • La scheda può essere compilata dai Distretti e dalle Aziende
  • La scheda focolaio al suo primo inserimento viene resa disponibile (visibile) a tutti gli utenti distrettuali, aziendali e regionali (Vedi Figura 1 )
  • La scheda focolaio rimane comunque modificabile dal solo gruppo inseritore
  • Non è previsto il trasferimento di proprietà
  • La scheda focolaio viene chiusa al “consolidamento”

Scheda SSR2 e scheda SSR3 (focolaio assistenza)

  • La scheda identifica i focolai di infezione che nascono all’interno degli ospedali o comunque durante l’assistenza sanitaria.
  • La scheda può essere inserita e compilata dagli Ospedali e dai Distretti
  • La scheda focolaio al suo primo inserimento viene resa disponibile (visibile) ai soli soggetti gerarchicamente superiori a partire dal gruppo inseritore (Vedi Figura 1)
  • La scheda focolaio rimane comunque modificabile dal solo gruppo inseritore
  • Non è previsto il trasferimento di proprietà
  • La scheda focolaio viene chiusa al “consolidamento”
  • Le schede focolaio SSR2 e SSR3 vengono implementate e trattate come un unica scheda in quanto come scheda SSR3 si intende la “chiusura” di una scheda SSR2

Flusso delle schede di segnalazione focolai

In figura 1 viene mostrata una sezione della gerarchia dell’Emilia-Romagna in modo da esemplificare il flusso di visibilità delle schede focolaio SSR1 e SSR2 / 3.

Come mostrato in figura una scheda SSR1 inserita dal distretto “Pianura Est” della Asl di Bologna (pallino rosso) viene resa visibile a tutti i distretti della regione e a tutte le Asl (rettangolo rosso).

Una scheda SSR2 inserita dall’Ospedale Vaio di Fidenza (pallino verde) viene resa visibile ai soggetti gerarchicamente superiori (rettangoli verdi) a partire dal gruppo inseritore.